beato Don Jerzy Popiełuszko

Jerzy (Giorgio) Popiełuszko nacque il 14 settembre 1947 a Okopy nella provincia di Bialystok. I suoi genitori Ladislao e Marianna erano contadini. Fu battezzato con il nome di Alfonso che cambiò al seminario. Dall’età di 11 anni faceva il chirichetto e tutti i giorni serviva alla santa Messa. Nel 1965 entrò nel Seminario Metropolitano Maggiore di San Giovanni Battista a Varsavia. Durante gli studi dovette fare il servizio militare per 2 anni in un’unità speciale per i clericali a  Bartoszyce. Al ritorno nel seminario fu operato alla tiroide e curato per una malattia del cuore.

Il 12 marzo 1972 fu ordinato diacono e il 28 maggio 1972 venne ordinato sacerdote dal  cardinal Stefan Wyszynski.

L’ultimo posto di lavoro di Don Popiełuszko (dal 20 maggio 1980) era la parrocchia di San Stanislao Kostka a Varsavia, dove si occupava dell’evangelizzazione. Conduceva tra l’altro la formazione degli studenti dell’Accademia di Medicina, fu cappellano delle infermiere e ogni mese organizzava gli incontri di preghiera per i medici. Aiutava nell’organizzazione dei 2 pellegrinaggi di GPII in Polonia: nel 1979 e nel 1983. Fu il capo della Sezione Sanitaria del Comitato dell’Accoglienza di GPII a Varsavia e con il suo gruppo medico di qualche centinaio di persone aveva cura dei pellegrini.

Per la sua vita fu cruciale il suo coinvolgimento nel mondo di lavoro, al momento della creazione di  “Solidarność”, durante la legge marziale e anche dopo la stessa. Dal 1982 diceva c.d. Messe per la Patria, le quali radunavano molteplici fedeli. Nel 1980 appoggiò lo sciopero nella acciaieria (Hucie Warszawa) e degli studenti universitari nel 1981. Nel 1982 organizzò il pellegrinaggio dei dipendenti dell’acciaieria di Varsavia a Jasna Góra (Częstochowa), che si trasformò in un pellegrinaggio nazionale degli operai. Nonostante il perseguimento del governo e le calunnie dei mass-media, fu il portavoce e il difensore della dignità umana, della libertà, dell’amore e della verità. Fu ripetutamente arrestato e interrogato e nonostante questo ripeteva le parole di GPII: Vinci il male con il bene”. Nel 1984 le persecuzioni si intensificarono.

Il 19 ottobre 1984, quando stava tornado da Bydgoszcz, fu fermato dai 3 funzionari del Ministero degli Interni (Dipartimento contro la Chiesa) e sequestrato. Successe nei pressi di città di Toruń.

Dopo giorni di ricerche, il 30 ottobre 1984, il corpo di Don Jerzy Popiełuszko fu trovato nel lago artificiale vicino alla diga di Vistola. Fu sepolto, secondo la volontà della comunità cattolica, a Varsavia il 3 novembre 1984 e riunì una folla di Polacchi convinti del suo martirio e della sua santità. Fu sepolto presso la Chiesa di San Stanislao Kostka a Varsavia. La sua beatificazione fu celebrata il 6 giugno 2010 a Varsavia in piazza di Piłsudski e il processo della canonizzazione fu aperta il 20 settembre 2014 nella diocesi di Créteil in Francia – causa il luogo del miracolo col l’intercessione del beato Don Jerzy.

 

Posti collegati con Don Jerzy Popiełuszko:

- Włocławek: Santuario del Martirio di beato Don Jerzy Popiełuszko:

(http://www.sanktuarium.wloclawek.pl/);

- Varsavia: la tomba beato Don Jerzy presso la parrocchia di S. Stanislao Kostka:  (http://www.popieluszko.net.pl/)